Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica - probabilità di vincita
Adm 2024

Le 4 curiosità che mai avresti immaginato sui casinò

Le 4 curiosità che mai avresti immaginato sui casinò

Hai presente quando si dice che la realtà supera spesso la fantasia? Questo è tanto più vero nel mondo del gioco d’azzardo, in cui anche le situazioni più impensate si concretizzano in pochissimi istanti. 

Anche nei migliori casino online puoi assistere a “cose che voi umani non potete nemmeno immaginare” e che, il più delle volte, sono tremendamente piacevoli.

Citazioni a parte, il gioco al tavolo verde si presta particolarmente a fatti e comportamenti che esorbitano dallo standard e dal razionale. Anche se i giocatori vincenti hanno sempre una strategia ben pensata alle spalle, il margine di immaginazione e fantasia è sempre ampio e variegato.

Fatti strani, ma reali!

Qualche esempio concreto di fatti bizzarro e curiosi? Di seguito ne trovi più di uno. E se ne conosci altri, attendiamo di allungare la nostra lista con i tuoi suggerimenti!

1. Nel Nevada si giocava anche in carcere

Hai presente il Nevada, lo Stato USA dove è sorta Las Vegas, l’icona mondiale del gioco ai casinò? Ebbene, per un periodo di tempo abbastanza lungo (esattamente fino al 1967), nella prigione di Stato era presente un casinò a disposizione dei carcerati. Gli orari di apertura erano limitati, ma gli abitanti del carcere potevano trascorrere una piccola parte del loro tempo giocando a poker, a dadi e ad altri divertimenti classici del tavolo verde.

Alla fine degli anni ‘60 venne emesso un divieto di giocare nelle prigioni, e quindi il casinò dovette chiudere. Anche se siamo abbastanza sicuri che nell’ora d’aria, qualche partita  a poker sia tuttora un passatempo comune!

2. La prima licenza di gioco venne rilasciata a una donna

Siamo sempre negli Stati Uniti, e sempre a Las Vegas. Nei suoi esordi di “Mecca del gioco d’azzardo”, la prima licenza per aprire un casinò venne rilasciata a… No, non a un uomo, bensì a una donna di nome Mayme Stocker. Intraprendente e coraggiosa, Mayme non si fece problemi ad entrare – per prima – in un mondo che all’epoca era dominato essenzialmente dagli uomini.

Il suo casinò offriva ancora pochi divertimenti rispetto alle case da gioco attuali: poker, dadi e bridge erano i tavoli a cui era possibile sedersi. La sua fu una carriera di imprenditrice di successo, tanto che oggi sarebbe fiera di sapere che sempre più donne partecipano al l’elettrizzante mondo dei casinò online.

3. La partita più lunga di poker

I giochi di carte sono basati sia sulla strategia che sulla fortuna. A differenza delle slot online, in cui è la sorte ad avere l’ultima parola, quando giochi a poker, blackjack o altri divertimenti a carte, una buona strategia può fare la differenza, anche in termini di tempi.

Ma quanto può durare una partita di poker, ad esempio? Tanto, fino a 8 anni! Questa è stata infatti la durata di una partita di poker iniziata nel 1881 e durata fino al 1989. Si dice che i partecipanti alla sfida non abbiamo mollato il tavolo verde nemmeno per un giorno. Immaginiamo che i pokeristi si siano potuti permettere di assentarsi dal lavoro per 8 lunghi anni!

4. Il casinò più piccolo al mondo

I modelli compatti sono la filosofia del momento. E quando diciamo compatti, facciamo riferimento a una concentrazioni di spazi e funzioni, proprio come avviene nel più piccolo casinò al mondo. Dove si trova? Nel Regno Unito, più precisamente a Londra.

Il Grosvenor Casino è una piccola anzi, piccolissima sala da gioco, ospitata nel retro di un taxi. E al suo interno c’è proprio tutto: dealer, tavolo da gioco, bar e anche una sala TV per chi non partecipa al gioco. Molto probabilmente, sarà una sola persona a seguire la televisione, viste le dimensioni del casinò!

Fatti verosimili, ma falsi!

Qual è l’altro lato della medaglia delle leggende metropolitane che circolano sui casinò, sia online che terrestri? Anche in questo caso, le voci sono tante ma la realtà è meno banale di quanto potresti pensare.

1. I casinò online alterano i risultati

Un falso mito sui casinò online è il fatto che questi abbiano la possibilità di alterare i risultati del gioco. Non è così o meglio, tale comportamento potrebbe avvenire nei casinò illegali, sprovvisti cioè di regolare licenza di gioco. In maniera non diversa da quanto può accadere nelle sale clandestine reali.

A fare la differenza tra una piattaforma sicura e una da evitare è la presenza dell’RNG, che sta per Random Number Generator. Si tratta di software o hardware installati su ogni gioco del sito e che determinano in maniera del tutto casuale gli esiti delle giocate. Questo garantisce l’immodificabilità sia da parte del casinò che degli altri giocatori.

2. I giocatori online non sono tutelati

Anche in questo caso, ci troviamo di fronte a una convinzione totalmente errata. I casinò online che operano legalmente offrono una doppia tutela ai loro utenti:

  1. Da un lato, il fatto di essere costantemente soggetti a controlli e verifiche circa la regolarità del funzionamentodell’RNG, dei pagamenti, e di tutti gli altri servizi che vengono offerti a latere del gioco in sé;
  2. Dall’altra, Le piattaforme digitali legali dedicano sempre diverse sezioni e funzioni al gioco responsabile. Per verificare, puoi scorrere fino a piè di pagina del sito per entrare nella pagina che viene denominata proprio gioco responsabile, all’interno della quale troverai tutta una serie di informazioni su come evitare il fenomeno della dipendenza da gioco.

Inoltre, il giocatore può sempre attivare gli strumenti a tutela della sua partecipazione al casinò: facciamo riferimento all’autoesclusione e all’autolimitazione, due soluzioni che si sono da sempre rivelate decisive nell’evitare fenomeni di ludopatia.

Conclusione

Se il confine tra realtà e fantasia a volte può sembrare labile quando si tratta di gioco al tavolo verde, in realtà la differenza è sempre ben definita. I casinò sono i luoghi in cui possiamo permetterci non solo di sognare ma anche di realizzare i nostri desideri, ma non dobbiamo dimenticare che ogni nostro comportamento deve essere consapevole e razionale. Al resto, pensa la Dea bendata!

Ti piace? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit