Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica - probabilità di vincita
Adm 2024

I giocatori italiani Amano Giocare per Divertimento: Rapporto SWG

Osservatorio di SWG giocare da grandi

Recentemente è stato presentato il rapporto ultimo che riguarda il gioco pubblico, redatto dall’Osservatorio di SWG con il titolo “Giocare da grandi”. 

L’indagine è stata svolta intervistando più di 3000 persone e chiedendo a 400 di esse, che si sono definite giocatori, quanto hanno speso per giocare. Dallo studio emerge un quadro interessante sia riguardo alle abitudini di gioco, sia riguardo il comportamento degli operatori.

L’identikit del giocatore e le tipologie di gioco preferite, secondo SWG

L’indagine condotta da SWG ha delineato un identikit preciso del giocatore. Si tratta perlopiù di uomini (59% degli intervistati), con un’età compresa tra i 55 e i 70 anni (51%), che hanno un lavoro stabile (62%) e vivono soprattutto al Nord Italia (40%). L’indagine, quindi, ribalta lo stereotipo del giocatore italiano disoccupato che vive nel Sud e gioca per cercare di uscire dalla condizione di disagio in cui si trova. Si gioca molto anche nel Sud (38% degli intervistati), ma solo il 4% degli inoccupati gioca, stando alla ricerca.

Per quanto riguarda le tipologie di gioco preferite, l’80% gioca al Gratta & Vinci e al Superenalotto. A seguire Lotto e scommesse in agenzie, mentre il 46% ha fatto scommesse online. In sostanza, l’indagine chiede di mantenere un atteggiamento responsabile nei confronti del gioco d’azzardo.

Da aggiungere è che la metà degli intervistati ha ammesso di tentare la fortuna al Gratta & Vinci più di una volta al mese. Anche per il Superenalotto, oltre la metà dei partecipanti (53%) gioca con una certa frequenza, mentre solo il 25% gioca frequentemente al Lotto.

Tuttavia, c’è un aumento della percentuale di giocatori che scommettono più volte al mese rispetto a coloro che preferiscono recarsi in ricevitoria (26% contro 14%).

In generale, più del 30% dei partecipanti ha dichiarato di utilizzare piattaforme online per i giochi, dimostrando come nuove abitudini stiano emergendo ma le vecchie persistano. Infatti, il 50% gioca in entrambe le modalità.

La spesa media dei giocatori italiani

Un dato interessante emerso dalla ricerca SWG riguarda la spesa media dei giocatori. In media, si aggira sui 113,74 euro al mese, con una vincita media di soli 87,26 euro. Questo significa che ogni giocatore perde circa 25,48 euro ogni mese, un dato inferiore rispetto ad altri studi statistici di scarsa attendibilità.

Approfondendo ulteriormente i dati, il 17,7% dei giocatori dichiara di spendere circa 20 euro al mese, ma nutre l’aspettativa di vincere una cifra pari a 150 euro. Nel frattempo, il 30,3% degli intervistati ammette di sborsare tra i 21 e i 50 euro mensilmente, in cambio di una probabile vincita di circa 100 euro. Il 21,9%, invece, investe tra i 51 e i 100 euro, sperando in un guadagno di circa 90 euro. 

Tuttavia, il dato più deludente è rappresentato dal 30,1% che, pur spendendo più di 100 euro al mese, si aspetta una vincita di soli 70 euro.

Tuttavia, è importante sottolineare che la percezione della spesa varia a seconda della tipologia di gioco e delle caratteristiche e psicologia del giocatore. Il quadro emerso mostra, infatti, un forte rischio economico derivante dall’abitudine al gioco d’azzardo.

Ciò che è preoccupante è che, sebbene il 23% degli intervistati dichiari di avere vinto più di quanto speso, il 76% riconosce invece di aver perso denaro. È essenziale considerare questo aspetto quando ci si avvicina al gioco d’azzardo.

Gioco e l’approccio dei giocatori residenti in Italia

La recente indagine condotta da SWG ha catturato un aspetto spesso sottovalutato riguardante la mentalità di gioco degli italiani. Il 70% degli appassionati ha dichiarato di essersi divertito “molto o abbastanza”, mentre soltanto il 28% ha messo in luce la fortuna, ed il 31% ha ammesso di aver dedicato troppo tempo ai giochi.

Inoltre, chi gioca coi soldi si diverte anche in modalità “free”. Il 62% dei gamers si è avventurato svariate volte a sfide senza somme in denaro come le slot machine gratuite sul telefono, mentre il 44% preferisce sfidarsi con console come la Playstation e l’Xbox. 

Infine, il 46% ha giocato a giochi di società con amici, e il 61% si è divertito con il mazzo di carte. Non sono mancati neppure i collezionisti di carte: il 27% degli intervistati ammette di aver giocato con questo tipo di passatempo.

Per concludere

In sintesi, la grande passione dei giocatori in Italia, non dipende soltanto dalla vincita di denaro quanto dall’aspetto del divertimento, del coinvolgimento e dell’adrenalina. In pratica, quello che conta di più è l’aspetto ludico dell’esperienza, non quello che riguarda il fattore economico.

Ti piace? Condividi con i tuoi amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Pinterest
Reddit